studio collega i punti tra madri obese e figli autistico

Published on: Apr 11 2012 by admin

Le probabilità di avere un bambino autistico aumenta del 67% nelle donne che sono obese durante la gravidanza, ha rivelato uno studio pubblicato su Pediatrics, suggerendo che le più grandi donne a perdere peso prima del concepimento.

Lo studio, che è stato parzialmente finanziato dal National Institutes of Health, ha coinvolto circa 1.000 bambini della California, di età compresa 2-5, di cui quasi 700 hanno l’autismo o altri problemi di sviluppo. Intorno al 315 non ha mostrato segni di questi problemi.

I ricercatori hanno anche esaminato le cartelle cliniche delle loro madri per trovare il legame tra obesità e l’autismo. Lo studio ha dimostrato che le donne che erano obese durante la gravidanza erano circa il 67% in più di probabilità di fornire i bambini autistici, rispetto a donne sane di peso.

L’obesità aumenta le probabilità di avere bambini con autismo a 1 nel 53, mentre a quote medio della donna di avere un bambino con autismo erano 1 in 88. Spiegare la relazione tra obesità e l’autismo, l’autore dello studio Paula Krakowiak, epidemiologo presso l’Università di California, Davis ha detto che lo zucchero in eccesso nel sangue e l’infiammazione legata sostanze presenti nel sangue del danno madre lo sviluppo del cervello del feto.

“Se si sta pianificando una gravidanza si potrebbe desiderare di pensare a perdere peso, ottenere il vostro esercizio di routine in ordine e controllare il livello di zucchero nel sangue,” consigliò Irva Hertz-Picciotto, autore senior dello studio e capo della divisione della salute ambientale e occupazionale nelle scienze della salute pubblica a UC Davis.

Il dottor Daniel Coury del Nationwide Children Hospital bambini in Ohio ha detto che lo studio ha sollevato preoccupazione e sono necessarie ulteriori indagini per confermare il legame tra l’obesità e l’autismo.

Filed under: Salute della donna

Sorry, the comment form is closed at this time.

Sorry, the comment form is closed at this time.