la risposta per l’obesità sta nel mascelle lucertole

Published on: Jun 20 2012 by admin

Come rivelato da una nuova università di Gothenburg studio, il mostro di Gila – una lucertola velenosa nativa del Nord America – può avere un ruolo importante da svolgere nel trattamento dell’obesità.

La saliva della lucertola gigante si trova a contenere un composto che può fare una persona che sento meno la fame, i ricercatori hanno notato sulla base di un esperimento di laboratorio con i topi. Il composto stesso, clinicamente chiamato exendin-4, viene utilizzato anche in un farmaco diabete.

I topi da laboratorio utilizzati nello studio ha mostrato una riduzione morsi della fame dopo aver ricevuto exendin-4 – un risultato che era “sconosciuto” e “inaspettata”, ha detto l’autore dello studio Prof Karolina Skibicka. Sulla base della osservazione, lei ei suoi colleghi hanno concluso che il composto si presenta in modo del meccanismo di ricompensa del cervello.

Reckoning che la scoperta potrebbe aiutare a sviluppare un trattamento per compulsivo binge-eating, gli scienziati sperano che la sostanza naturale può trattare l’obesità dalla sua radice, combattendo il desiderio di divorare cibi eccessivamente, e permettendo alle persone seriamente in sovrappeso a lavorare per un cambiamento di stile di vita sano .

“La maggior parte diete fallisce perché siamo ossessionati dal desiderio di mangiare, soprattutto cibi invitanti come le caramelle. Come exendin-4 sopprime le voglie di cibo, può aiutare le persone obese a prendere il controllo del loro peso”, ha detto il co-autore Suzanne Dickson.

Mostro di Gila è conosciuto per essere il più grande lucertola in Nord America e anche se è velenoso, che di solito non costituisce una minaccia mortale per gli esseri umani a causa della sua pigrizia.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Sorry, the comment form is closed at this time.